Comune di Torviscosa

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale


AVVISO AI FORNITORI

Centro di aggregazione giovanile

Centro di Aggregazione Giovanile

Centro di Raccolta Comunale (piazzola ecologica) - ORARI

    Orari di apertura60 K


    Il tuo percorso: Ti trovi qui: HOME > Notizia

    DITTATURA VERSUS SPERANZA - Inaugurazione venerdì 12 aprile ore 20.30 presso il CID di Torviscosa

    La persecuzione della Chiesa cattolica in Cecoslovacchia negli anni 1948-1989

     

     

     

    Sarà inaugurata venerdì 12 aprile alle ore 20.30 presso il CID (Centro Informazione Documentazione, p.zzale Marinotti n°1) a Torviscosa la mostra promossa dall'Ambasciata della Repubblica Ceca presso la Santa Sede e realizzata dall’Istituto per lo studio dei Regimi totalitari a Praga che si concentra sulla vita della Chiesa cattolica in Cecoslovacchia durante il regime comunista.

    Dalla propaganda e dalle leggi fino all’uso delle forze repressive, la mostra “Dittatura versus Speranza”, organizzata dai comuni di Torviscosa e di Bagnaria Arsa, attraverso 23 pannelli espositivi corredati di foto inedite, racconta dei monaci e dei sacerdoti perseguitati e incarcerati, dei processi politici e dei martiri e anche le storie di vita di alti rappresentanti della Chiesa, come i cardinali Beran, Vlk e Duka.

    Durante l'inaugurazione verrà proiettato il documentario ‘Jako bychom dnes zemřít měli‘‘ (Come se dovessimo morire oggi) tratto dall'omonimo libro dello scrittore Miloš Doležal, presentato dalla dott.ssa Tiziana Menotti che ne ha curato la traduzione in italiano. Il libro racconta la storia di don Josef Toufar parroco del piccolo villaggio boemo di Čìhošt' che viene accusato di aver inscenato il miracolo della croce che si volge ad occidente, viene arrestato dalla Polizia segreta cecoslovacca e morirà in seguito alle torture subite.

    La vicenda di don Toufar e la storia della persecuzione della Chiesa in Cecoslovacchia si scopre essersi intrecciata con la figura di mons.Ottavio De Liva, originario di Bagnaria Arsa, che all'epoca era segretario alla Nunziatura di Praga che visitò la chiesetta di Čìhošt ed in seguito fu accusato di aver complottato nella creazione del miracolo della croce e fu l'ultimo diplomatico della Santa Sede ad essere cacciato dal paese comunista.

    L‘ingresso è libero.