Comun di Tor di Zuin / dal Tor (loc.)

Ricercje svelte


< vai al contenuto centrale




La storia più antica

Le più antiche testimonianze archeologiche nel territorio dell’attuale Comune di Torviscosa risalgono all’epoca romana e riguardano i resti dell’antica Via Annia localizzati nella frazione di Malisana. La più antica citazione del territorio, invece, si trova in un documento del 1041 con cui il patriarca di Aquileia Popone elenca le donazioni al Monastero di Santa Maria, tra le quali compaiono le paludi limitrofe al corso d’acqua Zumello. Più tardi, la “Villa de Zumel” è citata nel 1139, la “Villa de Furnel” nel 1106 e Malisana nel 1161. Le prime citazioni di Zuino risalgono, invece, a un documento del 1278, con il quale i Signori di Caporiacco cedono a quelli di Villalta il castello, che in seguito passerà nel 1313 ai Signori di Duino e nel 1344 alla famiglia Savorgnan a cui rimarrà fino al 1818 insieme a tutta la proprietà circostante. Fino al 1420, anno dell’occupazione veneziana del Friuli, il territorio fa parte del Patriarcato di Aquileia. In seguito, tutta la Bassa friulana è a lungo oggetto di contesa tra la Repubblica di Venezia e l’Impero austriaco. La pace di Worms (1521) divide infine quest'area: Zuino, che mantiene la giurisdizione dei Savorgnan, viene assoggettato alla casa d’Austria, mentre Malisana rimane veneta con la giurisdizione degli Strassoldo. Le due località si riuniscono con Napoleone, che detiene il governo del Friuli dal 1805 al 1813. Tutta la zona viene assegnata poi all’Austria e, infine, nel 1866, al Regno d’Italia.

La antighe Zuins

[di: DELUISA Luigi, Torviscosa. Cenni storici. Udine, Arti Grafiche Friulane, 1988. Pp. 45 -61]

La storie di "Torviscosa" e scomence tal 1278 cu la cession di "Zugins o Zuins", cemût che si clamave in chê volte, di bande dai Siôrs di Cjaurià a chei di Vilalte par 64 marchis e 16 denârs di monede aquileiese. Tal 1313 e sucedè jenfri i Siôrs di Duin, Cjaurià e Vilalte, ducj dissendents di une stesse çocje, une cuistion sul possès de localitât e dal cjistiel di Zuins, che al jere za tal XII secul e al veve tors altis e saldis. Daûr di une sentence arbitrâl, il cjistiel al fo assegnât a Rodolfo di Duin; tal 1343 i Siôrs di Duin a cederin in feut par 1000 liris di "piçui" venits a Arrigo di Strassolt lis trê vilis di Zuin, Furgnei e Presêt (?) cu la jurisdizion, lis afitancis, i redits, lis pescjis, lis cjacis, lis rivis, lis coloniis, i cjamps, i prâts, i boscams, i boscs e ducj chei altris oblics o dirits dipendents di chei possès; tal 1344 il nobil Ugo di Duin al vendè par 855 marchis di bêçs aquileiês al Cav. Federico Savorgnan, adun cun altris bens, il cjistiel e lis vilis di Zuins e di Furgnei, fûr che i sierfs di masnade che chei di Duin a vevin in chestis vilis; tal 1377 i Siôrs di Duin a confermin la vendite ai Savorgnan regalantjur ancje i sierfs di masnade. Di cheste ete fintremai al 1500 la invistidure di Zuins ai Savorgnan e vignive dade dai Conts di Gurize; dal 1500 indenant dai princips di Austrie.

Tal 1385 i Savorgnan a forin invistîts dal titul nobiliâr de Republiche di Vignesie e tal 1411, stant che si jerin alçâts sù cuintri de Glesie di Aquilee, l'imperadôr di Gjermanie, Sigismondo, aleât dal Patriarcje, al confiscà i lôr bens dantjur ai Strassolt; tal 1420, cuant che il Friûl al passà sot dal domini de Republiche di Vignesie, Tristano di Savorgnan al tornà in possès dai siei bens, possès che al durà fin al 1818.

Cu la pâs di Wormazia (1520-1521) Zuin, Furgnei e Presêt, ancje se a restavin di proprietât dai Savorgnan, a forin assegnâts ae Cjase di Austrie e a forin metûts adun cu la Contee principescje di Gurize e Grediscje, che sot di cheste a restarin, fûr che tal moment curt dal periodi di Napoleon, fin tal 1866, cuant che a jentrarin tal Ream di Italie.

Cemût che o vin viodût, par cetancj secui la palût e à menaçât dut il teritori dal Comun obleant i siei pôcs abitants a contindii cun grene la pocje tiere che ur dave i mieçs di vite; intant che i abitants di Malisane e di Furgnei a jessivin vincidôrs di cheste lote dure, chei di Zuin invezit a verin di cedi, trasferintsi di une altre bande duncje, tal secul XVI, la localitât e jere dome une tor che e restarà, fin ae fin dal '600, la uniche costruzion a ricuardâ la antighe "vile".

La malarie, che si jere disvilupade par vie dal impaludament, e dominave il teritori dal Comun, decimant, adun cu lis epidemiis e lis vueris, chestis popolazions puaris. Tal 1690 il Cont Antonio Savorgnan al progjetà un plan azardôs di bonifiche e di colonizazion de sô tignude e cun dificoltâts impuartantis e sacrificis finanziaris grandonons al rivà a bonificâ part dal teren li che dopo e podeve vignì sù la gnove Zuin, che e vignarà clamade Tor di Zuin (45) in ricuart de "Tor" che e restave dal antîc cjistiel; su lis ruiinis di chest, po dopo, e vignarà fate sù tal 1714 la vile cetant siore li che la vecje Tor, simbul de potence feudâl, e vignarà cjapade dentri; la vile e fo sdrumade di un fûc ai 29 di Otubar dal 1917, intant de ritirade di Cjaurêt.

Ve ca cemût che il Cont Antonio Savorgnan al descriveve la sô tignude prime di scomençâ la bonifiche: "Era il primo (il castello) una semplice torre inhabitata tutta guasta e scoperta, piantata in un abisso insuperabile di Paludi, tramezzata dalli boschi Bando et Roncalli che si avanzavano ambedue in vicinanza della stessa, resa sol nido di serpi e di volatili, non v'era che una habitazione consistente in un tezone (capanna) di tutta paglia, ricovero di una sola famiglia che reggeva in qualità di semplice affitto alcuni campi in numero di 14 frammischiati nel sito boschivo e paludivo che ho dimostrato. Tutto era una nera orridezza, non v'era strada per arrivarvi se non il superar buon tratto di boschi sempre fra l'acqua e gli abissi prima di giugnere ad un stradone alli cui lati camminava una striscia di campi coltivati sino a quella habitazione che si chiama Fornelli la cui distanza dall'accennata torre non arriva ad un miglio. Alla metà di questo stradone appariva un quasi capitello di muro che serviva da figura di chiesa sotto il nome di S. Antonio Abate di Fornelli et di questo ancsora sussiste il suo coro che ben dimostra le più vere antiche vestigia,.. dipendeva dalla matrice di Malisana Veneta... Io per più anni avanti che potei prendere il coraggio di operare in tali abissi, habitai nelle mie visite la stessa casa in un con li accennati coloni (quelli del villaggio di Fornelli). Finalmente volse il mio destino che mi risolvessi all'impresa. Paron favole la verità e il rammemorarsi come mi convenne farmi strada alla Torre con il mezzo di lunghissimi gradici sostenuti in aria sopra le profondità dell'acque stagnanti, assembrava vero scherzo di scena quel che fu Evangelica verità".

Cemût che si capìs di cheste descrizion, la zone e veve di jessi stade une vore pantanose e insane se il Savorgnan par lâ di Furgnei a Zuin par direzi i lavôrs di Bonifiche, al veve di passâ par un passadôr lunc une mie, che al coreve parsore des palûts.

[....]

Tal 1818 i Savorgnan a venderin la lôr tignude a une societât venite, Rossi e Carminati, che le ve fin tal 1882; in chest ultin an al deventà proprietari il Cont Augusto Corinaldi di Padue, che, tal 1924, al vendè une part dal possès al coleç dai Mechitaristi di Vignesie e une part al grup "Lombardo Bignami".
Dute la tignude, cun altris terens, e fo in fin comprade de Snia Viscosa tal 1937 e, Tor di Zuin, trasformade in "Torviscosa", cu lis frazions di Malisane, Furgnei, e v. i. , e deventà Comun ai 26 di Otubar dal 1940, invezit fin in chê volte e jere stade part dal Comun di S. Zorç di Noiâr.

Il confin jenfri la Austrie e la Italie al tocjave il nestri teritori e al fo butât jù sul cricâ dal dì dai 24 di Mai dal 1915 dai soldâts di Italie, che a lotavin par concuistâ lis tieris che ancjemò a jerin sot dal domini forest; Tor di Zuin e Malisane a forin sedis di svariâts comants e di ospedâi militârs dilunc vie de vuere 1915-1918 e di une trincee grande. Lungje cualchi chilometri, e passave sul puest dulà che al fo fat sù il stabiliment de SAICI, che al fo inaugurât ai 21 di Dicembar dal 1938; un toc de trincee che in chê volte e jere ancjemò in pîts, al fo conservât dentri tai mûrs dal gnûf edifici e dongje e fo metude, in ricuart, une lapide cun cheste scrite: «1915-1918. Il popolo italiano qui difese con le armi la frontiera sacra alla Patria. 21-9-1938» («1915-1918. Il popul talian achì al difindè cu lis armis la frontiere sacre de Patrie. 21-9-1938»).

La "storie" di Tor di Zuin, cemût che o vin viodût, e je la storie de sô tiere, tal significât plui insot de peraule; anzit de lote dure jenfri l'om e la tiere, no simpri propizie. E je une lote di secui par gjavâi ae palût il spazi par lavorâ e par vivi, che si davuelç tal mieç dai grancj cidinôrs che a fasin sintî la iminence dal mâr e la lontanance di chest puest dai centris abitâts grues...

Po dopo, di bot, al sucêt tant che tes flabis: il 1938 al segne la fin dal vilaç rurâl di Tor di Zuin e e nas la gnove citadine industriâl di "Torviscosa", che, te composizion dal so non, e met dongje il vieri al gnûf, par ricuardâ, cuasi, la vicende fortunade di cheste tiere.

E la "storie" vere, atuâl, di "Torviscosa" a son daûr a scrivile zornade daspò zornade, i siei autôrs e protagoniscj, strents ator ator al sô fondadôr: Franco Marinotti.

Là che par plui di un mileni a jerin boscs e palûts e e jere la malarie, vuê, par opare dal Cavalîr dal Lavôr Franco Marinotti si disvilupe ben une aziende agrarie model e al è un complès industriâl grandiôs, svant de nestre Patrie, che cu lis sôs dôs "tors", al ricuarde il cjistiel antîc.

[Translate to Furlan:] Da Zuino a Torviscosa

[Translate to Furlan:] [da: BELLANTONE Monica, Cenni storici. Torviscosa, 1995. Dattiloscritto]

Al nome dei conti Savorgnan sono legate importanti iniziative che hanno assunto il ruolo di capisaldi fisici e morfologici per le realizzazioni operate nel territorio di Torre di Zuino negli anni seguenti alla loro amministrazione. Particolare importanza assume il progetto di trasformazione fondiaria realizzato, tra il 1670 e il 1739, da Antonio Savorgnan e, successivamente alla sua morte, dal figlio Francesco. La tenuta all'epoca si trovava in pessime condizioni: dominava la palude; per la gran parte era incolta e quasi del tutto abbandonata. Da una descrizione scritta dallo stesso Antonio Savorgnan [1] si ricava che le preesistenze erano: una casa in legno e paglia e il rudere dell'antico castello nella località “Zuino”; una casa in muratura, sei in legno e paglia, un piccolo molino e la chiesetta di S. Antonio Abate (l'attuale chiesetta del cimitero) nella località “Fornelli”.

II progetto parte da un consistente ampliamento della proprietà, che raggiunge i 1600 ettari. In seguito viene realizzato un piano di bonifica con opere di canalizzazione e regimazione dei corsi d'acqua, prosciugamento di vaste aree di terreno e realizzazione di una rete di strade poderali, compreso l'attuale stradone, che da Bagnaria Arsa giunge fino alla laguna. La sistemazione dei terreni porta ad un ripopolamento della zona e, sempre ad opera della famiglia Savorgnan, vengono costruite, nell'odierna sede del centro urbano di Torviscosa, 40 case coloniche in muratura, un palazzo dominicale, che incorpora la vecchia torre del castello, con annesse scuderie ed alloggi, la Chiesa di S. Maria Assunta (attualmente esistente), una casa ad uso osteria e un mulino sulla Roggia Zuina, precedentemente rettificata. Un accenno particolare merita il Palazzo Dominicale. Esso aveva la forma di castello con due possenti torrioni posteriori ed un grande loggiato sul prospetto. La facciata era adornata con pregevolissimi stucchi seicenteschi. Anche l'interno era vagamente ornato con stucchi colorati, alcuni dei quali servivano da cornice a ritratti di antichi personaggi della famiglia dipinti su olio e tela. Al palazzo si accedeva passando da due imponenti cancelli settecenteschi in ferro battuto sormontati da due grandi stemmi gentilizi, pure in ferro. Sono questi due stemmi, che il cav. del lavoro dott. Franco Marinotti ha gentilmente ceduti al conte Fulvio Bonati Savorgnan d' Osoppo, gli unici ricordi del Palazzo Savorgnan, andato completamente distrutto durante la ritirata di Caporetto nell'Ottobre 1917 [2]. Nel 1818, a causa di problemi economici, i Savorgnan si trovano costretti a vendere l'intera proprietà. Essa viene ceduta alla Società Rossi-Carminati di Venezia, che ne resterà proprietaria fino al 1882. In questi anni la nuova amministrazione si fa artefice di una serie di importanti iniziative. Viene migliorato lo sfruttamento dei terreni destinati alle colture tradizionali del granoturco e del frumento, vengono estese le coltivazioni del riso e i vigneti e viene introdotto l'allevamento del baco da seta. Nuove produttività segnano un ampliamento e la trasformazione del borgo ereditato dai Savorgnan. Le scuderie della villa sono destinate ad abitazioni, nuove case coloniche vengono realizzate a Malisana, Fornelli e nella località Casali di Sotto (l'attuale agenzia n. 5). Viene costruito anche un grande fabbricato per la trebbiatura del grano e nel 1840, nell'attuale via Vittorio Veneto in prossimità dell' ex pesa, viene aperta una scuola primaria con sole classi maschili. La popolazione raggiunge circa 850 abitanti, ma rimaneva ancora insoluto il gravoso problema della presenza della palude in vaste aree della tenuta.

L'11 Novembre del 1882 la proprietà viene ceduta al conte Augusto Corinaldi. Egli attua un piano di ammodernamento della tenuta. Grazie all'introduzione di nuove tecniche di lavorazione e all'uso di nuove macchine agricole si assiste, in questi anni, ad un incremento della produzione agricola. Nel paese, nel 1884, alla scuola primaria vengono aggiunte le classi femminili; viene aperto il primo negozio di alimentari e mercerie, affiancato, nel 1902, da una trattoria con alloggio. Nel 1896, con il passaggio della nuova linea ferroviaria Venezia-Trieste, viene costruita a Torre di Zuino la stazione. Era l' ultima fermata prima del confine tra Italia ed Austria, collocato all'epoca in località Tre Ponti. E' un evento importante per l'economia del paese, in quanto la linea ferrata consentiva una maggiore velocità e facilità nei trasporti e negli scambi commerciali. In seguito viene aperto anche l'Ufficio Postale e Telegrafico. Lo scoppio della I Guerra Mondiale pone una lunga parentesi allo sviluppo del paese, che, considerata la sua collocazione di confine, viene destinato prevalentemente a sede di comandi e ospedali militari.

Nel 1924 Augusto Corinaldi vende gran parte della tenuta al Collegio dei Padri Mechitaristi di Venezia; la parte restante alla società Lombardo-Bignami. Fu proprio Luigi Bignami uno dei promotori della nascita, nel 1926, della Società Anonima Grande Bonifica del Basso Friuli, che affida ai tecnici Domenico Feruglio, Gino Tonizzo e Lionello Ferrari lo studio per l'elaborazione di un consistente progetto di bonifica per la sistemazione idraulica e la trasformazione fondiaria. A causa di questioni politiche ed economiche sorte con alcuni proprietari terrieri locali, il progetto non riuscì ad essere attuato e nel 1929, su iniziativa del Ministero dell'Agricoltura, viene costituito il nuovo Consorzio di 2° grado per la trasformazione fondiaria della Bassa Friulana con potestà su quelli già esistenti e operanti nella zona. Lo scopo era quello di coordinare, sanando i conflitti, l'attività dei 14 consorzi esistenti.

Tra il 1933 e il 1937, il Consorzio realizza alcune importanti opere che riguardano anche i territori di Torre di Zuino, come, ad esempio, il comprensorio di bonifica Famula. La situazione alla vigilia dell'acquisizione dei terreni da parte della SAICI si presenta così:

• il territorio era diviso tra 3 grandi proprietari terrieri ( Padri Armeni, i Marchioro e i Bignami) e circa 300 piccoli proprietari che esercitavano un'agricoltura di stretto consumo; 

• parte delle aree soggette a palude erano in via di recupero e sistemazione, grazie alle operazioni di bonifica iniziate dai consorzi;

• la guerra aveva compromesso gravemente l'economia del paese con conseguenze sulle condizioni occupazionali; la presenza di strutture intermodali (la strada statale, la linea ferroviaria, le vie fluviali e la vicinanza al mare) conferiva, comunque, al luogo un'importanza economica legata soprattutto ai trasporti; 

• dalle fonti ISTAT, tabella VIII-XII Censimento della popolazione, risulta che la popolazione residente negli anni 1921-1931 e 1936 corrispondeva a 1745, 2031 e 2248 abitanti e segna, quindi, una dinamica demografica crescente [3];

• il centro abitato possiede già un preciso impianto urbanistico, oltre alle abitazioni coloniche, ci sono edifici pubblici come le scuole, la stazione ferroviaria, l'ufficio postale e telegrafico, qualche negozio, una trattoria e la Chiesa.

Una realtà non molto dissimile dalle altre zone limitrofe, dotata dei requisiti richiesti dalla S.N.I.A. per l'acquisizione di un'area in cui realizzare un nuovo complesso produttivo per la realizzazione della cellulosa tessile italiana. In una lettera inviata a Mussolini, Marinotti descrive così i criteri per la scelta del territorio “non intaccare terreni già adibiti ad intenso sfruttamento agricolo ed in avanzato ciclo produttivo; preferire zone gravate da disoccupazione operaia; preferire zone servite da facili comunicazioni interne con conseguente notevole economia del costo di trasporto” [4].

Nasce, quindi, nel 1937 la SAICI (Società Anonima Agricola Industriale per la produzione di Cellulosa Italiana) dalla fusione della Società Anonima Bonifiche Torre di Zuino e della Società Anonima Bonifiche del Friuli, che appartenevano entrambe alla famiglia Bignami.

La SAICI inizia subito i lavori. Viene attuato un rapido completamento dell'attività di bonifica, con sistemazione anche dei terreni già bonificati, per renderli idonei alla coltivazione della canna gentile, materia prima autarchica per la produzione della cellulosa italiana. Sempre nel 1937 viene dato avvio alla costruzione dell'impianto industriale, che verrà inaugurato, dopo solo 320 giorni, il 21 Settembre 1938 insieme ad alcuni edifici del centro urbano. Il resto del paese verrà realizzato in fasi successive. La progettazione urbanistica ed architettonica é affidata all'architetto Giuseppe De Min e all'ingegnere Steno Mainoni. Il progetto assume le geometrie del luogo (gli assi viari per Malisana e Fornelli, lo stradone Zuino) e mantiene alcuni edifici del preesistente borgo. Le prime due ipotesi di piano, quella del 1938 e quella del 1940, sono entrambe dimensionate per un numero di abitanti di molto superiore a quello realmente insediatosi. Il principio compositivo é il medesimo: individuazione di assi principali su cui si attestano, secondo un ordine gerarchico, aree distinte funzionalmente. Diversa é la tipologia insediativa residenziale: case isolate con giardino, nella prima, case in linea o a blocco che definiscono corti di pertinenza interna, nella seconda. In fase di realizzazione il progetto verrà notevolmente ridimensionato.

Torre di Zuino faceva parte del Comune di S. Giorgio di Nogaro. Il 26 Ottobre 1940, nonostante il parere discorde dell'Ufficio Ragioneria della Prefettura di Udine, viene elevata a Comune e il suo Podestà, fino al 30 Ottobre 1944, sarà Franco Marinotti, Presidente della SNIA Viscosa. e “ideatore e fondatore” della nuova città di Torviscosa. I confini del nuovo comune coincidono esattamente con la proprietà SNIA. Si viene a creare così una condizione di dipendenza finanziaria dell'ente pubblico dall'industria privata. L'amministrazione pubblica di Torviscosa riveste un mero ruolo di “facciata”. La SNIA, infatti, oltre all'intera proprietà delle strutture produttive, possiede anche l'intero patrimonio edilizio residenziale e dei servizi. Questa particolare situazione influirà marcatamente sullo sviluppo economico ed urbanistico del paese, con forti implicazioni anche di carattere sociale.

[1] DELUISA Luigi, Torviscosa. Cenni storici. Udine, Arti Grafiche Friulane, 1988

[2] BRUSIN Giovanni-FORNASIR Giuseppe, Il territorio di Torviscosa. Udine, Arti Grafiche Friulane, 1978

[3] Bassa Friulana. Tre secoli di bonifica. Udine, Arti Grafiche Friulane, 1991. P. 110

[4] BORTOLOTTI Massimo, Torviscosa. Nascita di una città. Udine, Casamassima, 1988